Soffione

Questa mattina è cominciata male, accompagno figlia e marito al loro autobus e poco dopo essere ripartita, la macchina si ferma: devo prendere un autobus anche io e sono in ritardo.

I mezzi pubblici, come al solito, non sono mai puntuali e ad ogni minuto di ritardo accumulato, cresce il numero di passeggeri innervositi che dovranno salire sul prossimo pullman, riducendo in maniera esponenziale lo spazio vitale sopra il suddetto mezzo.

Dopo esattamente mezz’ora passa il bus e già mi rassegno al destino da sardina compressa che mi aspetta, quando salendo sull’ autobus mi dà il benvenuto un autista molto cordiale, impegnato a fare il suo mestiere, ma anche a dispensare sorrisi e saluti a tutti i passeggeri in entrata.

Passo così da un pruriginoso fastidio ad una piacevole sorpresa. Ecco, io gli autisti del pullman li assumerei tutti così, portatori di persone e di buon umore, che la mattina, quando sei di corsa, con la brioche in bocca e la giacca da abbottonare, o peggio la macchina guasta da riparare, basta guardarli per sentirsi un po’ più sereni.

Ad ogni modo, sta mattina, tutti i passeggeri, anch’essi pronti allo stoccaggio sardine, a loro modo, lo risalutavano tutti grati, facendo dei sorrisi a volte sorpresi, a volte estremamente spontanei, ma più spesso imbarazzati, come se non fossero più abituati alla gentilezza… ma solo pronti ad affrontare la guerra per l’ultimo posto a sedere o almeno un posto in piedi lontano da ascelle indiscrete.

Il pullman parte e durante il tragitto, ovviamente sempre stipata come come un filetto di tonno in scatola, mi metto ad osservare i passanti per strada, quando ci fermiamo ad un semaforo e la mia attenzione cade su una ragazza che sta per svoltare l’angolo. È carina, capelli rossi, vestita bene, la faccia seria e assorta nei suoi pensieri e ad un certo punto … sorride. Sorride da sola, tra sé e sé, come se un pensiero le fosse scappato improvvisamente dal cervello per espandersi sul suo viso senza che nemmeno lei se ne accorgesse. Purtroppo il suo sorriso viene interrotto poco dopo da una macchina che le sfreccia di fianco e lei ritorna subito alla realtà. Moriscandosi un labbro imbarazzata, dà un occhiata intorno per sincerarsi che non ci sia nessuno a guardarla e cercando di nascondere il compiacimento provato, in una posa rigida delle labbra (continuando a sorridere sotto i baffi insomma) cerca mano a mano di ritrovare il suo contegno, ridiventando seria nel giro di pochi istanti.

Il pullman riparte e guardando la sua sagoma allontanarsi sorrido anche io… con un sorriso di innocente sorpresa, quello che si fa quando si trova un soffione a terra tutto per sé e ci si sente fortunati ad aver trovato quel piccolo tesoro prima di tutti, per poterlo soffiare come si faceva da bambini, godendo della libertà dei batuffoli in volo.

Però che strana la vita eh? Che fortuna avere avuto la macchina guasta oggi: ho ricevuto un sorriso in regalo, ne ho rubato uno ad una sconosciuta e… non so a voi, a me un sorriso migliora la giornata, figurarsi due. Beh forse potrei lasciarne uno, scendendo dal pullman, al simpatico autista.

Prenoto la fermata, mi accingo all’entrata, ci fermiamo, gli sorrido, scendo, mi volto e glielo dico: -Buona giornata signore dai bei sorrisi.-

Così ora lo sa anche lui, che i suoi sorrisi sono preziosi, come un soffione da far dissolvere al vento, insieme ai grigiori della giornata.

#Borderminds #soffione #sorriso #riflessioni

Erika Lami

Illustrazione di Roberta Lami

Autore: Erika

https://border-minds.com/blog/

10 thoughts

  1. Bel racconto, credo sia importante far sapere alle persone gentili ed accoglienti quanto sia importante questa loro qualità e quanto un sorriso, un ciao, uno sguardo possano cambiare la giornata in meglio…

    Piace a 1 persona

  2. La gentilezza….un sentimento in via di estinzione ..ma forse sempre proprio per questo,sempre più apprezzato.Un sorriso,una mano tesa,un favore,un ‘attenzione…migliorano la vita a
    chi dà e a chi riceve

    Piace a 1 persona

  3. Piacevole scoperta queste righe.
    Questo è un pensiero bello e dio ( o qualunque essere o cosa per lui) solo sa quanto siano importanti i bei pensieri di questi tempi.
    Grazie

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.